Libertà di cura: implicazioni medico-legali