Sull'opportunità della terapia corticostreroidea non sostitutiva nelle sindromi da shock della bovina da latte