Sul dovere di rispondere alla chiamata del paziente