Consenso informato: il difficile dialogo tra il clinico e il medico-legale