La recente crisi economico-finanziaria rende evidenti i limiti all'esercizio dei poteri sovrani in materia economica che derivano, da un lato, dalla partecipazione degli Stati alle istituzioni finanziarie internazionali e, dall'altro, dall'operare sui mercati delle agenzie di rating. L'intervento propone un'analisi delle regolamentazioni nazionali che conferiscono alle agenzie il potere di determinare la capacità e il costo per gli Stati di accedere ai mercati internazionali dei capitali; inoltre, la natura giuridica del rapporto tra Stati e FMI viene discussa e, accertato che ai primi non si impone un obbligo giuridico di adottare le misure cui è subordinato l'esercizio del diritto di prelevare risorse dal Fondo, si pone in evidenza come l'influenza di quest'ultimo sulle politiche economiche nazionali dipenda in realtà dalle "sanzioni materiali" cui sarebbe sottoposto uno Stato che non si attenga alla politica di condizionalità (in primis, l'esclusione dai mercati internazionali dei capitali).

La sovranità economica tra meccanismi istituzionali di controllo e agenzie private / G. Adinolfi. ((Intervento presentato al 17. convegno L’Unione europea a vent’anni da Maastricht : verso nuove regole tenutosi a Genova nel 2012.

La sovranità economica tra meccanismi istituzionali di controllo e agenzie private

G. Adinolfi
Primo
2012-05-31

Abstract

La recente crisi economico-finanziaria rende evidenti i limiti all'esercizio dei poteri sovrani in materia economica che derivano, da un lato, dalla partecipazione degli Stati alle istituzioni finanziarie internazionali e, dall'altro, dall'operare sui mercati delle agenzie di rating. L'intervento propone un'analisi delle regolamentazioni nazionali che conferiscono alle agenzie il potere di determinare la capacità e il costo per gli Stati di accedere ai mercati internazionali dei capitali; inoltre, la natura giuridica del rapporto tra Stati e FMI viene discussa e, accertato che ai primi non si impone un obbligo giuridico di adottare le misure cui è subordinato l'esercizio del diritto di prelevare risorse dal Fondo, si pone in evidenza come l'influenza di quest'ultimo sulle politiche economiche nazionali dipenda in realtà dalle "sanzioni materiali" cui sarebbe sottoposto uno Stato che non si attenga alla politica di condizionalità (in primis, l'esclusione dai mercati internazionali dei capitali).
Settore IUS/13 - Diritto Internazionale
Società italiana di diritto internazionale
La sovranità economica tra meccanismi istituzionali di controllo e agenzie private / G. Adinolfi. ((Intervento presentato al 17. convegno L’Unione europea a vent’anni da Maastricht : verso nuove regole tenutosi a Genova nel 2012.
Conference Object
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/178941
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact