Si evidenziano i caratteri principali della traduzione di Niccolò Perotti delle Storie di Polibio: assenza di sostanziali omissioni e interpolazioni; resa spesso fedele, talora gravemente guastata dalla scarsa conoscenza della storia greca e della terminologia tecnico-militare; attenzione per un buon stile latino.

Ancora sulla traduzione di Niccolò Perotti delle "Historiae" di Polibio / N. Pace. - In: STUDI UMANISTICI PICENI. - ISSN 1126-4764. - 11:(1991), pp. 177-184. ((Intervento presentato al 11. convegno Congresso Internazionale di Studi Umanistici tenutosi a Sassoferrato nel 1990.

Ancora sulla traduzione di Niccolò Perotti delle "Historiae" di Polibio

N. Pace
Primo
1991

Abstract

Si evidenziano i caratteri principali della traduzione di Niccolò Perotti delle Storie di Polibio: assenza di sostanziali omissioni e interpolazioni; resa spesso fedele, talora gravemente guastata dalla scarsa conoscenza della storia greca e della terminologia tecnico-militare; attenzione per un buon stile latino.
Perotti, Niccolò ; Polybius Megapolitanus, traduzioni ; traduzioni latine umanistiche
Settore L-FIL-LET/05 - Filologia Classica
Settore L-FIL-LET/08 - Letteratura Latina Medievale e Umanistica
Settore L-FIL-LET/02 - Lingua e Letteratura Greca
Istituto Internazionale di Studi Piceni
Article (author)
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/176872
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact