Desertico o pittoresco? Il 3. atto di "Aida" secondo Girolamo Magnani e Achille Formis