Sulla nozione unitaria dell'interpretazione