Il test dell'idroclorotiazide nella malattia di Gitelman: una valida alternativa alla biologia molecolare