Dal disimpegno occidentale ai “grandi (doppi) giochi” regionali