Alimentare, la strategia che non c'è