Mano destra, mano sinistra. Lo spazio vissuto e la lateralità