Conclusione : pluralismo sì, ma “ragionevole”