Note sul rapporto tra voce e lettura nel romanzo epistolare: Goethe e Hölderlin