E' ormai pratica comune, tra gli atleti di endurance, quella di trascorrere uno o più periodi in quota durante alcune fasi della preparazione. Di fatto, si ritiene che l’esposizione e l’allenamento in condizioni di ridotta pressione parziale di ossigeno (ipossia) porti ad una serie di adattamenti metabolici, biochimici ed ematologici in grado di aumentare la capacità prestativa a livello del mare. Programmare un allenamento in quota a tale scopo, però, richiede molta competenza da parte di tecnici e preparatori fisici. Bisogna conoscere con precisione, infatti, come risponde l’organismo all’ipossia in condizioni di riposo e durante l’attività fisica, essere in grado di scegliere i “mezzi” di allenamento più adeguati allo scopo ed infine saper controllare e valutare con attenzione il carico allenante. In questo articolo cercheremo di delineare, sulla base delle nostre esperienze, una metodologia per l’organizzazione dell’allenamento in quota per gli atleti di alto livello, i quali riescono ad ottenere i massimi benefici dal altitude training solo quando vengono mantenute intensità simili a quelle raggiungibili a livello del mare. È opportuno ricordare, però, che le differenze interindividuali di risposta alle condizioni di ipossia sono, probabilmente, la variabile che più di tutte potrebbe determinare l’efficacia o meno dell’allenamento in quota. Pag. 96-97 bibliografia

Altitude training per le discipline di endurance / L. Gigliotti, P.L. Fiorella, L. Pugliese, A. La Torre. - In: SCIENZA & SPORT. - ISSN 2039-0726. - 7(2010 Jul), pp. 50-58.

Altitude training per le discipline di endurance

L. Pugliese;A. La Torre
2010-07

Abstract

E' ormai pratica comune, tra gli atleti di endurance, quella di trascorrere uno o più periodi in quota durante alcune fasi della preparazione. Di fatto, si ritiene che l’esposizione e l’allenamento in condizioni di ridotta pressione parziale di ossigeno (ipossia) porti ad una serie di adattamenti metabolici, biochimici ed ematologici in grado di aumentare la capacità prestativa a livello del mare. Programmare un allenamento in quota a tale scopo, però, richiede molta competenza da parte di tecnici e preparatori fisici. Bisogna conoscere con precisione, infatti, come risponde l’organismo all’ipossia in condizioni di riposo e durante l’attività fisica, essere in grado di scegliere i “mezzi” di allenamento più adeguati allo scopo ed infine saper controllare e valutare con attenzione il carico allenante. In questo articolo cercheremo di delineare, sulla base delle nostre esperienze, una metodologia per l’organizzazione dell’allenamento in quota per gli atleti di alto livello, i quali riescono ad ottenere i massimi benefici dal altitude training solo quando vengono mantenute intensità simili a quelle raggiungibili a livello del mare. È opportuno ricordare, però, che le differenze interindividuali di risposta alle condizioni di ipossia sono, probabilmente, la variabile che più di tutte potrebbe determinare l’efficacia o meno dell’allenamento in quota. Pag. 96-97 bibliografia
Settore M-EDF/02 - Metodi e Didattiche delle Attivita' Sportive
SCIENZA & SPORT
http://www.scienzaesport.it/index.php?option=com_content&view=article&id=70:pag-50-allenamento-atleticaaltitude-training-per-le-discipline-di-endurance--di-luciano-gigliotti-pierluigi-fiorella-lorenzo-pugliese-e-antonio-la-torre&catid=8:numero-7&Itemid=26
Article (author)
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/147124
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact