Inganno e autoinganno. Il campagnolo di Kafka