Sui caratteri distintivi della "metafisica" di Platone (a partire dal Parmenide)