La "rieducazione" del condannato tra cronaca e realtà