Robert Musil e il ritorno del merlo