Così vicino, così lontano. Moritz Geiger e il concetto fenomenologico di "distanza"